Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou vuole un titolare, il viola Biraghi è il favorito

Spinazzola out fino al 2022, sulla sinistra serve un titolare

L’ennesima tegola infortuni della Roma ha coinvolto anche José Mourinho, costretto a fare i conti lo stesso giorno del suo sbarco nella capitale con il brutto infortunio di Spinazzola. Una vera grana per lo Special One, che perde uno dei migliori giocatori dell’Europeo, ma anche per Tiago Pinto, che non aveva messo in preventivo una spesa per il terzino sinistro. Il gm sta scandagliando la lista di nomi per individuare il giusto profilo nel rapporto qualità-prezzo, non un top player, ma un giocatore affidabile e che possa arrivare in prestito.

Uno dei nomi in questo momento più visionati è quello di Cristiano Biraghi, terzino ventottenne della Fiorentina. Nell’ultima stagione ha totalizzato 38 presenze, con un gol e sette assist. E’ assistito da Mario Giuffredi, agente anche del giallorosso Veretout. Non è uno degli incedibili della squadra viola e potrebbe partire in prestito con diritto di riscatto (circa 6 milioni). Marcos Alonso sarebbe il profilo ideale se non avesse un ingaggio fuori portata. Lo spagnolo ex viola è fuori dal progetto Chelsea, che vorrebbe cederlo: tanti club sono interessati e il prezzo di 12 milioni non sarebbe neanche proibitivo, ma l’ingaggio da circa sei milioni netti a stagione sì. Forse soltanto un prestito oneroso con la partecipazione dell’ingaggio da parte del Chelsea potrebbe aprire la strada a una trattativa. C’è la fila in Serie A anche per Emerson Palmieri, che vorrebbe tornare in Italia e sul quale si sono già interessati Inter e Napoli. A Tiago Pinto piace anche Gianluca Frabotta, ma è troppo giovane e non è pronto a sostituire un titolare. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa