Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho pesca rinforzi in Premier

Lo Special One punta al campionato che meglio conosce

Un mercato in stile Premier League. E’ uno dei primi effetti dell’arrivo di Mourinho nella Capitale, che per rinforzare la sua Roma sta guardando soprattutto in Inghilterra: Rui Patricio e Xhaka sono ormai obiettivi dichiarati – il portoghese è ad un passo – ma lo Special One continua a valutare diversi giocatori che arriverebbero dalla Premier.

Oltre ad un portiere e a un centrocampista la priorità è trovare un terzino sinistro che possa sostituire Spinazzola durante la prima parte di stagione. Alioski è stato proposto a Tiago Pinto ed è un profilo che il club sta seriamente prendendo in considerazione, ma tra i giocatori che il general manager sta valutando ci sono anche Van Aanholt (svincolato dal Crystal Palace) e Wendell, che non gioca in Inghilterra ma piace alla Roma. Il brasiliano classe ’93 ha ancora un anno di contratto con il Bayer Leverkusen e potrebbe rappresentare un’ottima soluzione low cost.

Più difficile invece arrivare a Dimarco: ieri Inzaghi ha dichiarato apertamente di voler puntare sull’ex Verona. Ma i giallorossi guardano in Premier anche per le operazioni in uscita: se il club dovesse ricevere un’offerta per Smalling non è escluso che il centrale possa far ritorno in patria. Uno dei nomi da tenere d’occhio in caso di partenza dell’inglese è quello di Eric Bailly del Manchester United, acquistato dai Red Devils nel 2016 proprio su indicazione di Mourinho. Lo scrive Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa