Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho va in hotel. Pannelli a Trigoria per blindare il ritiro

Lo Special One alloggia in pieno centro in attesa di trovare la casa

Non ha perso tempo, José Mourinho, e appena terminati i cinque giorni di quarantena, trascorsi chiuso dentro Trigoria, il tecnico si è trasferito in un albergo del centro. Nel cuore di Roma, dietro il Mausoleo d’Augusto, il portoghese ha trovato il suo buen ritiro di privacy e relax. Il lussuoso hotel a cinque stelle in via Monte d’Oro, è diventata la location temporanea di Mou, in attesa di definire l’abitazione — sempre in centro — in cui trasferirsi in maniera definitiva insieme alla moglie.

Ma non è tempo di fare i turisti, come precisato dal portoghese in conferenza: la preparazione precampionato è partita senza sconti per nessuno, con subito una doppia seduta di lavoro (ieri e oggi). Dopo tre sessioni di allenamento, si comincia un po’ ad intravedere come sta prendendo prende forma la prima Roma dello Special One.

Evidente la prima vera novità portata da Mou: il maxischermo fatto installare da José sul campo principale, con il mister che ogni tanto ferma i giocatori durante gli esercizi tecnici per fargli rivedere i frame degli errori commessi in alcune gare della scorsa stagione, oppure durante le partitelle, oppure per spiegare qualche esercizio che i ragazzi dovranno poi svolgere sul campo.

Mourinho tiene molto alla privacy, e i suoi allenamenti, soprattutto quando poi comincerà la stagione ufficiale, saranno blindatissimi, isolati anche dagli occhi indiscreti dei ragazzi delle giovanili. Per questo intorno al campo principale sono alzati dei pannelli giganti, con sopra una frase motivazionale — come altre sono state messe in palestra e nei corridoi — voluta da Mou e Tiago Pinto. «Per la maglia, per la gente, per la Roma». Un modo per dare un’idea di gruppo, di unione e forza, con il tecnico portoghese che porta i palloni, spiega singolarmente avvicinandosi ad ogni giocatore, controlla e segue tutto in maniera maniacale.

Sul fronte mercato, i giallorossi hanno chiesto in prestito al Chelsea Kurt Zouma, difensore centrale del ‘94, mentre in Spagna, il 7 agosto, Dzeko e compagni un’amichevole contro il Betis Siviglia con calcio d’inizio alle 22. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa