Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sprint Zaniolo: classe e muscoli per la nuova Roma

Nicolò è pronto a riprendersi la Roma

Resettato, riprogrammato, riequilibrato. Nicolò Zaniolo è tornato al calcio per non mollarlo più. In questi duri mesi di convalescenza ha sistemato il fisico per minimizzare il rischio di nuovi infortuni: all’inizio del ritiro della Roma si è presentato con 4 chili in più, che sono tutti di massa magra. Si è irrobustito sulla parte superiore del corpo. Adesso, secondo le previsioni del professor Bisciotti, è più pronto a sopportare le sollecitazioni e lo stress agonistici. Prima del doppio incidente al ginocchio, Zaniolo aveva le gambe di una Ferrari sotto al busto di una Mercedes. Di conseguenza le sue fasce muscolari non erano sufficientemente bilanciate. Adesso il “problema” è stato risolto attraverso una dieta attenta, un lavoro in palestra ben orchestrato.

I risultati già si sono visti contro il Montecatini e Ternana. Non è stato semplice per Zaniolo, soprattutto perché temeva di terminare la carriera. Ora l’incontro con lo Special One ha fatto il resto. Subito dopo essere stato annunciato, Mou lo ha chiamato: “Conto su di te, aiutami a vincere“. Tanto che col Montecatini gli ha consegnato la fascia di capitano, simbolo di stima e di fiducia. Nel lavoro Nicolò è diventato un robot costruito per raggiungere il top e l’obiettivo più vicino, oltre la Roma, è il Mondiale. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa