Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Viña è ormai ad un passo, poi tocca a Xhaka

Xhaka

L’uruguaiano sostituirà Spinazzola, conto alla rovescia per Xhaka

Una Roma quasi completa in tempo per il viaggio in portogallo. L’obiettivo centrato tra Tiago Pinto e Mourinho non è più lontano: la trattativa per Matias Viña, il terzino della nazionale uruguaiana indicato come priorità assoluta dopo l’infortunio di Spinazzola, è molto avviata. E nei prossimi giorni potrebbe schiudersi anche il guscio da cui verrà fuori Granit Xhaka, dal momento che l’Arsenal ieri ha annunciato l’acquisto del successore, Albert Lokonga. Per quanto riguarda Viña c’è ancora qualcosa da sistemare nell’accordo con il Palmeiras. Il problema è che il 40% della vendita finirà nelle casse del Nacional Montevideo.

Tiago Pinto fin qui ha offerto 10 milioni più bonus, le parti si sono avvicinate nelle ultime ore, a breve potrebbe arrivare l’intesa. Una volta sistemata la fascia sinistra, Tiago Pinto punterà le fiches su Xhaka, cercando di ridurre la distanza rispetto alle richieste dell’Arsenal: a 20 milioni la Roma non intende arrivare. Ci si può trovare a metà strada. Mentre in uscita dovrebbe giò oggi essere ufficiale l’accordo con il Nizza per il prestito di Kluivert: la Roma incasserà 500.000 euro subito mentre i francesi pagheranno 12 milioni nel 2022 in caso dovessero esercitare l’opzione di acquisto. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa