Resta in contatto

Rassegna Stampa

Xhaka alla Roma: ora ci siamo

Xhaka

L’Arsenal ha ufficializzato l’acquisto di Lokonga dall’Anderlecht, adesso lo svizzero può partire: tra oggi e domani l’affare dovrebbe chiudersi

Non solo Vina. Perché ieri è stata una giornata probabilmente decisiva per arrivare alla chiusura della trattativa che, da mesi ormai, Pinto sta portando avanti con l’Arsenal per il cartellino del centrocampista svizzero Xhaka. Nelle prossime ore, Pinto pare intenzionato a materializzare l’offerta finale per il giocatore. Un rilancio che il dirigente portoghese potrà fare più a cuor leggero visto che si sta definendo il trasferimento di Kluivert al Nizza. Che la trattativa con l’Arsenal sia agli ultimi fuochi, ieri è stato confermato dall’ufficialità, da parte del club inglese, dell’acquisto del giovane centrocampista belga Albert Lokonga, ventuno anni, cartellino che fino a ventiquattro ore fa era di proprietà dell’Anderlecht.

L’acquisto del giovane talento belga concretizzato a fronte di un’offerta complessiva da diciotto milioni, di fatto è l’ultimo segnale che si aspettava per dare il semaforo verde per l’addio a Xhaka. Diciotto milioni per acquistare Lokonga che, poi, sono quelli che probabilmente la Roma dovrà garantire ai Gunners per portare a Trigoria il capitano della nazionale svizzera. Tra oggi e domani l’affare dovrebbe chiudersi. Subito dopo Xhaka si presenterà a Roma per sostenere le visite mediche per essere subito pronto a volare in Portogallo con Mourinho e la Roma. Con l’obiettivo di garantire quella personalità in mezzo al campo la cui mancanza negli ultimi anni è stata una delle problematiche maggiori con cui la Roma si è dovuta confrontare. Lo scrive Il Romanista.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa