Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dzeko sempre più nel progetto Mou

Dzeko

Il bosniaco e il tenico portoghese hanno subito trovato una grande intesa

La fase 1 è conclusa. Da ieri è iniziata la seconda, direttamente in Algarve, Sud del Portogallo. Josè Mourinho ha scelto di tornare in patria per plasmare la nuova Roma che tra alti e bassi, ha comunque collezionato un filotto di successi nelle prime quattro uscite.

Gli avversari non hanno nulla a che vedere con quelli che da qui in avanti Zaniolo e compagni dovranno affrontare ma quanto basta per iniziare con il piede giusto. Sbarcata ieri a Faro, la squadra con il pullman ha raggiunto il resort Tivoli Cavoeiro.

Non era con la squadra Vina. Il terzino richiesto da Mou per sostituire Spinazzola è a Roma ma secondo le leggi italiane, l’esterno uruguaiano dovrà rispettare l’isolamento fiduciario per i prossimi dieci giorni. Il portoghese intanto si coccola il ritrovato Edin Dzeko.

Doppietta al Debrecen e soprattutto una dichiarazione post-gara volta a marcare il territorio: “Sono stanco di sentire parlare che vado altrove. Penso solo alla Roma, nient’altro“.

Parole inequivocabili anche se non va dimenticato come il mercato duri ancora un mese e basterebbe poco per dare il via ad un domino che interesserebbe inevitabilmente il centravanti bosniaco. Tuttavia il cambio di rotta sul mercato di Pinto, lascia intendere che ad oggi il bosniaco ha più chance di restare rispetto ad un paio di mesi fa.

Si legge oggi su TuttoSport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa