Resta in contatto

Rassegna Stampa

A Siviglia la Roma perde pure la testa

Edicola

Tre espulsi, oltre a Mourinho e il suo staff

La tournée della Roma si chiude come peggio non si può. Manita del Betis (5-2) e sei espulsi giallorossi. Cartellini rossi per Pellegrini, Mancini e Karsdorp: squadra rimasta in otto. Oltre ai giocatori, cacciato metà dello staff tecnico: prima Mourinho, con lui il vice Sacramento e il preparatore dei portieri Nuno Santos. La pessima serata dell’arbitro Vazquez non giustifica la reazione. Il primo ko stagionale della Roma fa dunque arrossire. E rumore. Almeno quanto la scelta di Mourinho di lasciare in panchina Dzeko, tentato dall’Inter dopo la cessione di Lukaku al Chelsea. E pensare che anche senza il centravanti titolare l’attacco per quasi un’ora è piaciuto. Ha debuttato Shomurodov proprio al posto del bosniaco: gol e assist per l’uzbeko che si è presentato bene. E che ha dovuto lasciare il campo a metà ripresa con i giallorossi rimasti in nove.

I nervi sono saltati al minuto 13 del secondo tempo, quando il direttore di gara ha convalidato la rete del sorpasso definitivo del Betis (3-2), realizzata da Alex Moreno che, da terra, ha accompagnato il pallone in rete con il braccio sinistro. Proteste di gruppo, con Pellegrini, tra l’altro già ammonito, faccia a faccia con Vazquez. Fuori. In campo è entrato Mourinho per riprendere l’arbitro. Che ha espulso pure il portoghese. E anche Sacramento e Nuno Santos. A seguire manata di Mancini a Borja Iglesias: rosso diretto per il difensore, diventato capitano dopo l’espulsione di Pellegrini. Poi anche per Karsdorp: calcione a Joaquin. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa