Resta in contatto

Prima Squadra

Dal gol alla Roma alla tripletta a Rui Patricio: 10 cose da sapere su Abraham

Le 10 cose da sapere sull’attaccante inglese

1. Le generalità
Il nome completo di Tammy Abraham è Kevin Oghenetega Tamaraebi Bakumo-Abraham. Nasce a Camberwell, quartiere di Londra, da padre nigeriano e madre inglese. Il fratello Timmy è calciatore come lui. Completando la bio, è alto 196 cm ed è nato il 2 ottobre 1997.

2. Score personale
Abraham conta 89 presenze in Premier League, con 26 gol segnati (58 partite con il Chelsea, 31 con lo Swansea). In Champions League, invece, sua unica competizione europea disputata, ha 13 gare disputate con 4 reti realizzate. Nel suo palmares personale vanta una Champions League e una Supercoppa Europea.

3. Il precedente
Anche se in gare ufficiali di prima squadra Abraham non ha mai incrociato la Roma, esiste già un precedente tra l’attaccante inglese e la squadra giallorossa. Si tratta della Youth League 2014-15, semifinale secca a Nyon. Gara che i londinesi vincono nettamente per 4-0, accedendo alla finale, con il quarto sigillo firmato proprio da Tammy.

Peraltro, in quella stessa edizione di Youth League, si videro all’opera anche due altri futuri romanisti. Lorenzo Pellegrini (in forza ovviamente alla Roma) e Borja Mayoral (al Real, terzo marcatore assoluto del torneo con 7 reti).

4. In nazionale
Con la nazionale inglese, Abraham ha all’attivo 6 apparizioni e 1 rete segnata. Il debutto è datato 10 novembre 2017, in amichevole contro la Germania. Le successive presenze le colleziona con Brasile, Repubblica Ceca, Montenegro (gol), Irlanda e Islanda.

5. Primato storico
Il 14 settembre 2019, nella gara Wolverhampton-Chelsea, terminata 2-5, Abraham realizza una tripletta diventando il giocatore più giovane della storia del Chelsea a segnare tre gol in una partita sola (due reti di destro e una di testa). Curiosità, il portiere avversario era Rui Patricio, che Tammy troverà in giallorosso.

6. Terzo inglese
Abraham è il terzo calciatore inglese della storia della Roma dopo Ashley Cole e Chris Smalling. Il primo, esterno sinistro, arrivò nel 2014. Il secondo, centrale di difesa tuttora in rosa, nel 2019 in prestito per poi diventare tutto giallorosso nella sessione estiva di mercato 2020.

7. Undicesimo del 1997
L’attaccante inglese, Tammy Abraham, sarà l’undicesimo calciatore nato nel 1997 a disputare gare ufficiali con la Roma. I 10 predecessori sono: Soleri, Sadiq, Di Livio, Gerson, Cengiz Under, Coric, Diawara, Fuzato, Cetin, Mayoral.

8. Sui social
Tra i profili Instagram e Twitter, Tammy Abraham conta – complessivamente – oltre 2 milioni e mezzo di followers. Ecco dove poterlo seguire:

Instagram

Twitter

9. Mou disse di lui
Nell’estate 2019, José Mourinho ebbe modo di parlare di Tammy Abraham in chiave Chelsea. All’epoca la squadra dei “blues” era allenata da Frank Lampard. “Vuoi un attaccante giovane – le parole del tecnico portoghese – hai Tammy Abraham. È tuo. Conosce il club. È nato nel club. È stato educato nel club. Ha giocato e fatto bene in prestito altrove, è pronto”.

10. Ottavo numero 9
Abraham sarà l’ottavo calciatore della storia della Roma a indossare la maglia numero 9 da quando è in vigore la numerazione fissa, a partire dalla stagione 1995-96. Questi i 7 predecessori del centravanti inglese: Abel Balbo 1995-98, Gustavo Javier Bartelt 1998-99, Vincenzo Montella 99-2007, Mirko Vucinic 2007-11, Daniel Pablo Osvaldo 2011-13, Marco Borriello 2014-15, Edin Dzeko 2015-21.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra