Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

C’è ansia per Vina: out con l’Uruguay, si teme una lesione al bicipite femorale

Vina

Nella notte sudamericana il laterale giallorosso ha accusato un problema muscolare: c’è apprensione a Trigoria

Un po’ di ansia c’è, è inutile negarlo. Perché Matias Vina è oramai a tutti gli effetti un titolare indiscusso di questa Roma e perché un suo stop metterebbe in difficoltà José Mourinho nelle prossime partite, quelle che i giallorossi dovranno affrontare subito dopo la sosta per gli impegni delle nazionali.

Sta di fatto che il fastidio al bicipite femorale sinistro accusato dal terzino sinistro in Perù, nella gara pareggiata dall’Uruguay per 1-1, non fa dormire sonni tranquilli. Almeno finché non ci sarà certezza sulle sue condizioni. Vina, infatti, è stato costretto a lasciare il campo al 70’ della partita proprio a causa di questo fastidio muscolare e sicuramente non sarà a disposizione di Tabarez per la sfida di lunedì prossimo, quando l’Uruguay ospiterà la Bolivia. Ieri la Celeste è tornata a Montevideo, Vina è stato subito visitato dallo staff medico della nazionale, tra l’altro in stretto contatto con quello della Roma. Il timore è una piccola lesione, anche se ieri sera le sensazioni tendevano all’ottimismo e filtrava una diagnosi diversa, più vicina all’affaticamento muscolare. Oggi dovrebbe esserci la certezza, grazie al risultati degli esami strumentali del caso.

Se sarà davvero un semplice affaticamento e basta Vina resterà con la sua nazionale, per giocare la partita della sera del 9 settembre (in casa contro l’Ecuador), altrimenti – in caso di lesione – rientrerà subito a Roma per iniziare immediatamente le cure specifiche. È ovvio come a Trigoria sperino tutti nella prima soluzione, seppur vorrebbe dire riavere Vina a ridosso della sfida con il Sassuolo (il rientro nella Capitale sarebbe l’11 mattina). Quella gara, a prescindere da tutto, la giocherà quasi sicuramente Calafiori. Il resto lo si capirà meglio oggi. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa