Resta in contatto

Rassegna Stampa

Femminile, oggi con il Napoli ultima gara a porte chiuse

Oggi pomeriggio la sfida contro le ragazze di Pistolesi

Dobbiamo imporre il nostro gioco, come vogliamo, con la nostra identità e come abbiamo fatto sabato scorso. Sappiamo benissimo che contro il Napoli non sarà facile: hanno perso la prima partita e hanno già bisogno di punti. Ma noi abbiamo un solo obiettivo“.

È carico Alessandro Spugna, tecnico della Roma femminile, che oggi pomeriggio (17.30, diretta tv su TimVision), affronterà la formazione di Pistolesi sul campo Agostino Di Bartolomei di Trigoria.

Debutto interno per le giallorosse – ultima gara dopo più di un anno a porte chiuse, i tifosi torneranno al Tre Fontane per la sfida interna contro la Juve il primo fine settimana di ottobre – che non si possono nascondere. E giustamente non lo fa nemmeno Spugna, quasi obbligato alla vittoria contro una squadra che alla prima di campionato è stata travolta in casa dall’Inter. “In settimana abbiamo lavorato con il giusto entusiasmo: normale dopo una prestazione importante come quella di Empoli. Stiamo bene“. E sta bene anche Manuela Giugliano, che partirà titolare dopo la panchina in Toscana. La fantasista giallorossa si è allenata con il resto del gruppo. Nessun dubbio quindi, sarà in campo dall’inizio. Out Linari, squalificata, al fianco di Swaby ci sarà Pettenuzzo. Davanti unico ballottaggio tra Valeria Pirone e Paloma Lazzaro con la spagnola che appare leggermente favorita.  Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa