Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il sogno di Zalewski, il polacco di Roma che ora gioca con Lewa

Zalewski

Il giovane giallorosso ha esordito con la propria nazionale pochi giorni fa

Si sarebbe accontentato di una passerella di pochi minuti, ne ha avuti addirittura 24 nei quali ha impacchettato un assist. Nella Roma c’è un Nico che torna a giocare con l’Italia e un Nico che comincia a divertirsi con la Polonia. “Non riesco ancora a crederci” racconta al telefono Krzysztof Zalewski parlando del debutto del figlio, nato sui monti prenestini da genitori fuggiti dalla rivoluzione post comunista. Nicola, 19 anni di talento già apprezzato da Mourinho, ha esordito l’altra sera nel 6-1 contro San Marino. “Curiosamente è lo stesso stadio che battezzò Lewandoski in Nazionale“, continua il padre, incredulo e commosso.

È stato Zibi Boniek, in uscita dalla federazione polacca e sempre in ballo per una collaborazione futura da dirigente alla Roma, a segnalare il piccolo Zalewski al ct Paulo Sousa. E chissà che anche contro l’Inghilterra arrivi un nuovo regalo. “Zalewski mi è piaciuto, ha giocato con personalità anche se è giocare e alla prima esperienza” ha spiegato Paulo Sousa nel dopogara. In realtà chi segue la Roma non è sorpreso più di tanto del carattere: Zalewski aveva provocato un autogol contro il Manchester United all’esordio europeo in una semifinale e nella prima amichevole vera dell’estate, contro la Triestina, ha segnato la rete decisiva. Per questo Mourinho ha voluto tenerlo in rosa, senza valutare possibili cessioni in prestito: intende lavorare sui suoi strappi improvvisi, sulla sua sfrontatezza, per consentirgli di maturare con calma. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa