Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, un passo nel futuro

Zaniolo

La nuova vità di Nicolò a 365 giorni dall’infortunio al ginocchio

Un anno dopo (oggi sono esattamente 12 mesi) riecco Zaniolo. Al Sankt Jacob Park ricomincia l’avventura interrotta il 7 settembre contro l’Olanda dopo la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro e 10 mesi di stop per non rischiare altri imprevisti prima del rientro. Sono passati tre anni esatti dalla prima convocazione, sempre a inizio settembre. Subito in gruppo per le partite di Nations League contro Polonia e Portogallo, Mancini lo chiamò in Nazionale ancora prima del debutto con la Roma. Ha subito puntato forte su di lui e non c’è dunque da stupirsi a trovarlo in panchina per il primo scontro diretto con la Svizzera.

Domenica sera il c.t. lo ha voluto al posto del titolare Immobile, chiedendogli di fare il centravanti e di difendere il pallone, di allargarsi, tagliare e andare in profondità, pressare e partecipare. Zaniolo ha provato ad accontentare Mancini, ha usato la corsa e qualità, lasciando il centro per la fascia, ma più di tanto non ha potuto. Il commissario tecnico e i suoi collaboratori pensano che possa comunque diventare l’uomo della svolta nel mondiale in Qatar ed è per questo che si aspettano tanto, ma sanno bene che la sua condizione atletica, dopo la lunga assenza, non può essere ancora ottimale. Giocare gli farà bene. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa