Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou maledice la sosta

Mourinho

Diversi i giocatori in dubbio per il Sassuolo

Non c’è pace per i romanisti convocati in Nazionale. Dopo il problema accusato da Vina, quello al piede di Mancini e il fastidio al flessore di Pellegrini, ieri si è fermato anche Zaniolo per una contusione alla coscia rimediata contro la Svizzera. Il giocatore ha preso una brutta ginocchiata e sulla parte interessata si è formato un versamento. Il classe ’99 non prenderà parte alla gara contro la Lituania ma è comunque rimasto in ritiro con gli Azzurri e le sue condizioni vanno monitorate quotidianamente in vista della sfida di campionato contro il Sassuolo di domenica sera.

In base alle sensazioni del giocatore e al parere dello staff sanitario giallorosso si valuterà se tenerlo in riposo in via precauzionale. In questo caso sarebbe ancora una volta Carles Perez a prendere il suo posto, come contro la Salernitana quando Zaniolo era squalificato. Sospiro di sollievo per Pellegrini, rientrato in anticipo nella Capitale: il capitano giallorosso sta bene e non dovrà sottoporsi ad ulteriori usami ma ieri si è allenato individualmente e le sue condizioni verranno monitorate giorno per giorno. Ancora out Mancini, alle prese con il problema al piede destro. Il difensore ha bisogno di riposo e ieri si è dedicato a cure e terapie personalizzate. Anche Smalling non ha ancora superato del tutto l’infortunio al flessore, ieri ha svolto solamente parte del lavoro il gruppo. Se entrambi non dovessero recuperare, contro il Sassuolo Mourinho dovrà affidarsi alla coppia Ibanez-Kumbulla. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa