Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Pardew (DT CSKA Sofia): “Roma e Tottenham le squadre più forti della Conference. La gara di giovedì ci dirà chi siamo”

CSKA Sofia

Le parole del dirigente della squadra bulgara

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, Alan Pardew, direttore tecnico del CSKA Sofia, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni riguardo la partita di giovedì sera all’Olimpico:

Direttore, a distanza di un anno sarà ancora Roma-CSKA: siete più forti rispetto alla scorsa stagione?
“E’ stata una sorpresa ritrovare nuovamente la Roma nel nostro girone. Rispetto a dicembre, siamo più forti, abbiamo un allenatore più qualificato e più bravo: sicuramente la gara contro i giallorossi sarà molto preziosa per noi, perché ci potrà far capire a che punta siamo nella nostra crescita di squadra. Spero che Mourinho ci spinga a giocare una bellissima partita”.

Potrebbe essere un vantaggio o uno svantaggio aprire e chiudere con la Roma?
“La prima partita è sempre la più importante, perché l’inizio ci può dare fiducia e coraggio. Il nostro obiettivo è quello di provare a passare al prossimo turno, quindi credo rappresenterà un vantaggio ricevere la Roma a Sofia nell’ultima gara, considerato che i giallorossi potrebbero essere già qualificati”.

Si aspettava dell’avvento di Mourinho alla Roma?
“Non è stata una sorpresa per me, perché voleva tornare in Italia. Ho visto le partite della Roma, ha dei tifosi speciali. I giallorossi ora hanno un grande manager, una proprietà solida e ricca, sono convinto che le grandi squadre come il PSG, il Barcellona, United si accorgeranno molto presto della crescita del club italiano”.

L’ultima: in Conference è la Roma la squadra più forte della competizione o il Tottenham?
“In questo momento sono le formazioni migliori, ma, se succede quello che accade ogni volta in Europa League, potrebbero non essere loro a vincere il trofeo. Forse gli Spurs, con l’arrivo di Espirito Santo, sono più forti e più completi, ma Mourinho dà molte più possibilità agli italiani”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario