Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou, la luna di miele non è per tutti. Villar è il primo caso

Villar Bodo

Il centrocampista spagnolo è ai margini della Roma

Gonzalo Villar è passato dall’essere il pupillo di Fonseca, al diventare uno scarto di Mourinho. Il modo di giocare dello spagnolo, che ha nel dna l’estenuante possesso palla di impronta “spagnola”, non piace allo Special One, che chiede ai suoi centrocampisti pochi fronzoli, e verticalizzazioni immediate. Il tecnico della Roma vuole che tengano la palla il meno possibile tra i piedi, cioè il contrario del modo di giocare di Villar, playmaker che ama avere il pallone, palleggiatore molto tecnico, che dovrebbe snaturarsi, cambiando una filosofica di gioco che fa parte di sé. Il prototipo ideale per Mou, per fare un esempio, è stato Matic ai tempi dello United. Storicamente lo Special One ama affiancare a un centrocampista di velocità, che fa il lavoro sporco, un altro senza troppi fronzoli, che verticalizzi in maniera naturale.

Villar soffre questa situazione, sui social ha dato segnali di disagio rispondendo alle critiche. Riuscendo a digerire con fatica il fatto di essere passato da ben 59 partite disputate in 18 mesi, alla tribuna a Salerno. “È un giocatore di qualità, non può mai essere un problema ma la soluzione“, ha detto pubbblicamente Mourinho che, in realtà, ha invece sperato di riuscire a vendere sia lo spagnolo, sia Diawara. Lo scrive La Repubblica.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa