Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini, il rinnovo che s’ha da fare

Il contratto del capitano giallorosso sarà rinnovato a breve, per la felicità di tutti

Pellegrini sarà il nostro capitano per tanti anni“, così parlò Josè. Sabato scorso, non mille anni fa. L’ha presa anche a ridere poi il portoghese, aggiungendo che, “se poi non firma do l’indirizzo di casa del suo procuratore..“. Non ce ne sarà bisogno: le sensazioni di Mourinho non sono solo sensazioni, lui sa. Sa che Lorenzo sta trattando con la Roma, che di passi avanti ne sono stati fatti in questi mesi, da prima di agosto fino a ieri, quando i rappresentanti del capitano hanno varcato il cancello di Trigoria per l’ennesima volta, per l’ennesimo step. Appuntamento con Tiago Pinto e punto della situazione. Ma ora tocca ai Friedkin, che devono valutare come incastrare richieste e offerte nei parametri del club: Pinto in questa situazione svolge il ruolo di mediatore: ascolta, tratta e riferisce alla proprietà.

Le parti sono sembrate vicine e lo erano già a metà agosto, la Roma non ha certo l’interesse a perdere il calciatore, oramai a scadenza, a giugno del 2022. Lorenzo è uno dei giocatori più rappresentativi, è il capitano. Si sta ragionando, dunque, con la mediazione di Pinto, su un accordo lungo: al calciatore starebbe bene un quadriennale, la Roma è disposta ad arrivare a cinque. Quel che è certo per tutti è che Lorenzo alla fine otterrà un contratto top. Sicuramente non ci sarà la clausola rescissoria. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa