Resta in contatto

Rassegna Stampa

José: “Persa una partita e non 10. Ma è una sconfitta senza scuse”

Arriva il primo ko giallorosso per lo Special One

Il campanello d’allarme Mou lo aveva suonato con largo anticipo. A partire dal post-gara contro il Cska Sofia, match terminato 5-1 ma ricco di dettagli che non gli erano piaciuti.

Particolari che si sommavano a quanto accaduto contro il Sassuolo. Anche in quel caso la Roma aveva vinto ma lo Special One con grande sincerità aveva ammesso che quella partita avrebbe potuto tranquillamente perderla. Sconfitta che è arrivata ieri. È la prima stagionale e il tecnico mastica amaro, anche se rimanda al mittente possibili drammi: “Come abbiamo vinto 6 partite e non 60, ne abbiamo persa 1 e non 10. E dobbiamo pensare già alla prossima contro l’Udinese per vincerne così 7 e non perderne 2″. Elementare José, che però va oltre.

Quando gli vengono evidenziate nel post-gara le difficoltà della Roma sugli esterni – con il Verona che ha attaccato sempre sulle fasce, approfittando dei mancati raddoppi in fase di copertura soprattutto di Zaniolo(e Shomurodov) – conferma e spiega: “È vero ma non ci hanno colto di sorpresa perché avevamo analizzato questo aspetto prima della partita. Era una cosa che loro facevano tanto la stagione scorsa con Veloso che allargava il gioco. Ripeto, non è una sorpresa. Abbiamo semplicemente interpretato male questa situazione. Abbiamo perso senza scuse. Nicolò si doveva abbassare un po’ di più per aiutare Karsdorp. Ma la mia sensazione è che abbiamo avuto anche qualche difficoltà nel giocare. Abbiamo perso tanti duelli individuali, sapevamo che loro erano bravi ma abbiamo comunque voluto esagerare con le palle lunghe“. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa