Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma dei senza paura

I giallorossi sanno soffrire e portano a casa il risultato anche senza brillare fisicamente

La Roma ha vinto una partita di grande sofferenza, capitalizzando il gol realizzato da Abraham nel primo tempo. La squadra di Mourinho è quarta in classifica, mentre l’Udinese, che meritava qualcosa in più, colleziona la seconda sconfitta consecutiva. Il tecnico portoghese aveva ragione alla vigilia di questa partita a tenere lontana l’euforia che aveva contagiato l’ambiente giallorosso. Questa squadra deve crescere, deve lottare su ogni pallone per ottenere i risultati. Sono arrivati tre punti preziosi a tre giorni dal derby e domenica la sfida contro la Lazio è il primo banco di prova vero per Mourinho.

I giallorossi non hanno brillato, ma hanno saputo sacrificarsi nel finale per portare a casa il risultato. Non basterà questa Roma per vincere la stracittadina. Mou ha rinunciato al turnover e ha fatto un solo cambio: Mkhitaryan al posto di Shomurodov e la squadra è sembrata molto motivata sin dai primi minuti, ha colpito dei pali e ha cercato il gol anche con i tiri dalla distanza, ma è mancato l’ultimo passaggio. E’ riuscita a sbloccare il risultato al 36′, quando Calafiori è sceso sulla fascia, è stato bravo ad evitare il ritorno di Molina dopo averlo saltato e ha messo in mezzo un cross basso sul quale Abraham ha anticipato tutti. Il risultato è rimasto in bilico fino alla fine, la Roma nella ripresa ha cercato di gestire, spingendo con sempre meno veemenza e cercando vanamente gli attaccanti dietro la linea difensiva. La squadra di Mourinho ha finito alle corde e al novantesimo l’espulsione di Pellegrini ha reso il recupero al cardiopalmo. La Roma è tornata a vincere, ma quanta fatica. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa