Resta in contatto

Rassegna Stampa

Riecco la Roma

Trigoria

Quattro vittorie in cinque partite: la Roma si ritrova contro l’Udinese, e sa soffrire nel finale

La Roma torna a vincere in campionato dopo ko di Verona, ma a Mourinho si strozza l’urlo in gola per la perdita di capitan Pellegrini in vista del derby delicatissimo in programma domenica prossima. Il tecnico portoghese, a differenza del collega che a Torino ha rinunciato a molti titolari, non gioca al risparmio in vista della stracittadina e manda in campo la Roma migliore. Sapeva benissimo quanto fosse importante ritrovare il passo giusto dopo uno scivolone.

La Roma contro l’Udinese gioca un primo tempo disinvolta, domina senza mai soffrire, colpisce due pali e segna il gol del vantaggio sull’asse Calafiori-Abraham. L’inglese chiude in rete il gran lavoro svolto dal giovane compagno e manda in orbita l’Olimpico. Mourinho registra un record al termine di questo incontro: è il suo quarantunesimo risultato utile consecutivo in casa, eguaglia Allegri in questa speciale classifica. La squadra ieri comunque ha sofferto ancora una volta nella ripresa, quando la gara andava messa sul livello del controllo, ma è quarta in classifica e mostra buoni segnali per il futuro. Aver perso l’uomo più in forma del momento lascia un po’ l’amaro in bocca per una serata che poteva essere di toda gioia. Pellegrini ha pagato un po’ la sua leggerezza per un intervento che poteva evitare in quella zona del campo con un giallo già sulle spalle. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa