Resta in contatto

Rassegna Stampa

Le riserve non convincono Mou. A gennaio servono due acquisti

Bookmakers Mourinho

Con la cessione di Nzonzi potrebbe arrivare un centrocampista

Dopo il derby perso è doverosa qualche riflessione. L’equilibrio è una dote fondamentale per gestire una squadra in costruzione. Ma è decisivo soprattutto in campo per ottenere stabilità e affidabilità. In questo senso la Roma ha mostrato enormi limiti giocando con quattro attaccanti poco predisposti alla fase difensiva. Il risultato è che la Lazio ha creato tanti affanni e provocato qualche danno che vanno al di là degli errori individuali dei difensori.

In sei partite di campionato hanno giocato soltanto 14 titolari diversi, con tre cambi singoli determinati soltanto da necessità. Mourinho si fida poco delle seconde linee, soprattutto a centrocampo dove avrebbe voluto Xhaka. Villar è andato tre volte in tribuna, Diawara viene sistematicamente ignorato, il giovane Darboe è ancora a zero minuti. Anche in difesa c’è questo problema: Reynolds è stato bacchettato pubblicamente per l’inesperienza e fa la navetta tra panchina e tribuna; Calafiori è tornato in panchina dopo l’assist contro l’Udinese nonostante Vina avesse soltanto un allenamento nelle gambe; Kumbulla ha giocato appena 13 minuti in Conference. A gennaio dovranno entrare un centrocampista e un terzino destro. Il nome dello svizzero Zakaria è un’occasione concreta che Pinto proverà a sfruttare. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa