Resta in contatto

Rassegna Stampa

C’è Lorenzo e la Roma torna Magica

Pellegrini

Rinnovo festeggiato con il gol che sblocca la partita poi vinta contro l’Empoli

Dietro le big, c’è sempre la Roma. E da sola. Ancora al quarto posto, cioè in zona Champions, e in scia del Napoli e delle milanesi, ascoltando in campo i suoi trentaduemila tifosi cantare l’inno di Venditti, come vuole lo Special One, senza però la base musicale, perché la Lega ha già multato il club nella sfida con l’Udinese.

Il settimo turno di campionato, insomma, ha subito azzerato il verdetto del derby. E la classifica è tornata quella di prima. È stata sufficiente una partita per sistemare la questione e ripartire come se non fosse accaduto niente: 2-0 contro l’Empoli dell’ex Andreazzoli. Pellegrini ha messo la sua firma anche in campo: il settimo gol (quarto in campionato) in 10 gare ha dato la spinta decisiva per saltare in alto. E l’azione è stata di quelle che tanto piacciono a Mourinho: ripartenza e verticalizzazione per sorprendere l’avversario. È successo con il Magnifico, ma anche con Zaniolo, Mkhitaryan (il gol dopo l’assist a Lorenzo) e Abraham che, senza parlare di sfiga, vorrebbe solo non trovar più sulla sua strada i legni della porta.

Impossibile, certo. Ma ne ha già colpiti 6 nelle sue 10 presenze. L’ultima traversa ha almeno portato in dote il raddoppio di giornata. Mourinho, del pomeriggio all’Olimpico, ha intanto bocciato solo il terreno di gioco. Lo reputa il peggiore della serie A. Ma proprio sul campo sabbioso ha comunque raccolto l’ennesimo record (con i 3 punti a vittoria): è imbattuto in casa (in campionato) da 42 gare, 38 con l’Inter e le prime 4 da tecnico giallorosso. Superato Allegri che lo rincorre in classifica (appuntamento a Torino il 14 ottobre): la Juve partirà da meno 4. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa