Resta in contatto

Rassegna Stampa

La vita da mediano di Faticanti

Primavera Morichelli testata

Il giovane centrocampista giallorosso è uno dei leader del nuovo gruppo guidato da Alberto De Rossi

“Una vita da mediano, a recuperar palloni” è il verso della canzone di Ligabue che prendiamo in prestito per presentare al meglio chi, già nel nome, ha il senso del sacrificio e del lavoro. La storia di Giacomo Faticanti ha inizio ad oltre 100 chilometri da Roma, a Sora dove con la maglia dell’Atletico muove i suoi primi passi in un campo di calcio.

Poi il passaggio al Frosinone, dove si mette in luce nella categoria dei Giovanissimi Elite: quanto basta per finire sul taccuino degli osservatori di Trigoria ed essere catapultato nella selezione giallorossa dell’U15 di Tanrivermis. Una crescita costante che lo ha portato, nello scorso maggio, a vincere il titolo di campione d’Italia con l’U17 a Ravenna, con la fascia da capitano al braccio. Già dalla scorsa stagione il passaggio in pianta stabile in Primavera, nonostante fosse sotto età, agli ordini di mister De Rossi, con il quale gli piace confrontarsi, chiedere consigli su come migliorare i suoi fondamentali e gli aspetti del gruppo.

Perché oltre a tanta qualità e quantità, Faticanti è uomo squadra: sempre positivo con i compagni, ha mostrato sin da subito un grande senso di appartenenza. Ricambiato dal club, che lo ha blindato fino al 2023. Lui, cresciuto osservando il suo idolo De Rossi, ora lavora con il papà, sognando la Serie A. Frequenta il liceo scientifico di Trigoria e da quest’anno i genitori si sono trasferiti a Roma per stare ancora più vicini al ragazzo. Perché senza basi solide, non si va da nessuna parte. Gli osservatori di tutta Italia continuano a monitorare con grande attenzione, lui non vede altro che la Roma. Alzando ogni tanto lo sguardo in lontananza per sbirciare il lavoro di Mourinho, Faticanti è pronto a confermare in campo tutte le sue qualità. Da mediano tuttofare, esattamente come De Rossi. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa