Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Svezia U21 accusa l’Italia: “Insulti razzisti a Elanga da un vostro giocatore”

Elanga

Il Ct della Svezia Under 21 ha denunciato il fatto: “Insulto razzista da parte di un giocatore dell’Italia”. La FIGC smentisce

Brutto epilogo per Italia-Svezia Under 21, gara terminata sul punteggio di 1-1 martedì pomeriggio. Gli scandinavi infatti hanno denunciato un grave episodio di razzismo.

Secondo quanto raccontato da Anthony Elanga al termine del match, un azzurrino lo avrebbe apostrofato con insulti razzisti. Episodio immediatamente denunciato dal Ct della Svezia Under 21, Claes Eriksson:

“Abbiamo raccontato la nostra versione dell’accaduto e abbiamo presentato una relazione orale sia agli arbitri che ai delegati di gara. Ora siamo in attesa di una risposta attraverso il resoconto della partita dell’arbitro. Una volta arrivati, decideremo come procedere. Anche il responsabile della sicurezza Martin Fredman è informato dell’accaduto”.

Il nome del giocatore azzurro che si sarebbe resto protagonista dell’episodio, al momento, non è ancora stato reso noto. La FIGC intanto, tramite una nota ufficiale, nega fermamente l’accaduto che non sarebbe stato rilevato da nessuno degli ufficiali di gara o dal delegato UEFA.

“In relazione a quanto riportato dalla Federcalcio svedese sul proprio sito e ripreso da alcuni media smentiamo nella maniera più assoluta che un calciatore della Nazionale Under 21, durante la gara Italia-Svezia disputata martdì sera a Monza, abbia espresso offese a sfondo razzista nei confronti di un avversario. Auspicando che gli organismi competenti facciano chiarezza tempestivamente la FIGC ribadisce l’impegno profuso costantemente da tutto il calcio italiano e dalle Nazionali, per il contrasto al razzismo e condanna qualsiasi insulto discriminatorio o episodio di violenza“.

Si legge su Goal.com

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News