Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Comunque c’è Shomurogol

Shomurodov

L’attaccante uzbeko pronto per la sfida con la Juventus

Il tentativo di recuperare Abraham è posticipato a domani. Anche oggi continuerà con le terapie (taker e laser), più le classiche manipolazioni fisioterapiche e gli antinfiammatori. Il tutto per un provino in extremis che gli possa permettere di portarlo almeno in panchina. Il suo sostituto, però, è pronto. Shomurodov, arrivato il centravanti inglese, ha trovato spazi inevitabilmente ridotti e si è dovuto accontentare di 170 minuti in campionato e altri 177 in Europa, ma la sua presenza in campo regala più profondità alla squadra.

Bonucci e Chiellini hanno mille qualità, ma non certo la velocità. Provare ad alzare in baricentro della Juventus per poi puntare sul miss-match tra Shomurodov e i centrali bianconeri potrebbe essere una carta da non sottovalutare. Ieri l’uzbeko è rientrato a Trigoria insieme agli altri nazionali e ha svolto lavoro differenziato. Oggi è atteso nuovamente in gruppo e la possibilità di partire titolare a Torino gli ha dato ulteriore entusiasmo. Quello che non manca ai tifosi romanisti, che oltre ad aver polverizzato i 762 biglietti messi a disposizione per la trasferta di Torino, ieri nel primo giorno di vendita libera hanno raggiunto quota 18.600 abbonamenti. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa