Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Pellegrini sta male: idea Zaniolo trequartista

Il talento giallorosso trequartista a Marassi? L’idea di Mourinho

Pellegrini resta in sospeso. Ma le indicazioni emersi dagli ultimi allenamenti non sono incoraggianti: il ginocchio è ancora dolorante. Mourinho deciderà solo in extremis se convocarlo per il Genoa, anche riflettendo sul precedente di Venezia.

La Roma sperava di gestirne il pieno recupero con terapie e riposo. Però è chiaro che dopo quasi tre settimane senza un allenamento Pellegrini non possa forzare di nuovo. Sarebbe controproducente per le partite successive, tutte molto ravvicinate.

Mourinho studia soluzioni alternative: se in difesa può sostituire ancora Smalling con Kumbulla, che non sta benissimo a causa della contrattura rimediata in nazionale ma entro domenica dovrebbe essere a posto, l’eventuale ricambio di Pellegrini dovrebbe essere Nicolò Zaniolo, favorito su Mkhitaryan per la posizione di trequartista dietro alle due punte.

Se dovesse essere confermato il 3-4-1-2, sulla fascia sinistra agirebbe ancora El Shaarawy dal momento che Vina è infortunato e Calafiori, più vicino al recupero, non viene ritenuto pronto. Davanti dovrebbe essere confermato Shomurodov, che è un ex del Genoa, al fianco di Abraham.

Se invece dovesse ripiegare sul 4-2-3-1, Mourinho potrebbe spostare Ibanez nel ruolo di terzino sinistro e tenere El Shaarawy tra i quattro attaccanti, con Zaniolo a destra e Mkhitaryan trequartista dietro ad Abraham. A quel punto l’escluso sarebbe Shomurodov che però a Venezia ha svolto un ruolo importante, sia per sé (primo gol in campionato) che per Abraham (assist) a cui ha liberato spazi inesplorati. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa