Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Berardi: “Rappresentiamo Roma, vogliamo essere presenti nel mondo”

Guido Berardi

Le prime parole del nuovo CEO giallorosso

Entrato in società ad ottobre, Pietro Berardi ha rilasciato le sue prime dichiarazioni nelle vesti di CEO della Roma a margine dell’evento dedicato alla premiazione dell’Unione Tifosi Romanisti.

“Siamo al lavoro per rafforzare l’area business nel miglior modo possibile: il progetto che stiamo portando avanti non può non avere un respiro internazionale, il nostro obiettivo è essere presenti con forza nel panorama internazionale, oltre che italiano. Non può che essere così considerando che rappresentiamo la città di Roma“, ha detto il nuovo amministratore delegato giallorosso.

Poi qualche dichiarazione sulle prossime nuove entrate in società: “C’è tanto lavoro da fare ma la stessa passione che vedo sugli spalti la sento ogni giorno nelle persone che lavorano con noi. Stiamo inserendo delle nuove figure professionali di alto profilo: ci sarà un nuovo responsabile dell’area commerciale che viene dagli USA, è Ryan Norys, che ha lavorato nel Manchester City, nei Miami Dolphins e nei Los Angeles Dodgers. L’area business non può che seguire la strada che l’America ha intrapreso nel mondo dello sport”.

“Allo stesso tempo dobbiamo tenere conto di quanto nell’ambito commerciale calcistico, sia radicata e profonda la cultura italiana. Per questo, a gennaio arriveranno altre professionalità che stiamo selezionando nel mondo dello sport e del calcio italiano, per rafforzare l’area revenues del club. Stiamo impostando tutto questo con umiltà, determinazione e ambizione, come ci è stato indicato dalla proprietà: poche parole e tanti fatti”, conclude il CEO giallorosso.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News