Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La legge di Abraham

Altro gol che vale una vittoria firmato dall’inglese

La Roma conquista tre punti pesanti che le consentono di restare nella scia delle prime quattro in classifica. Il successo sul Torino firmato da Abraham è la testimonianza di quanto Mourinho sia entrato nella testa dei suoi giocatori, di come sia riuscito a portarli dalla sua parte, chiedendo sacrificio, abnegazione. La Roma ha concesso al Torino 13 occasioni da gol, il 68% del possesso palla, ma ha dato sempre la sensazione di controllare la partita, non ha mai sbandato, neppure quando non è riuscita ad uscire dalla sua area.

Seconda vittoria consecutiva, con Rui Patricio rimasto imbattuto. C’è quasi sempre Smalling in campo quando la Roma non prende gol, il suo recupero è prezioso. Mourinho in piena emergenza a centrocampo perde anche Pellegrini dopo un quarto d’ora, deve rivedere l’assetto tattico con l’ingresso di Perez. E’ stato il Toro a fare la partita, ma la Roma ha aspettato ed è ripartita, sfruttando gli strappi di Zaniolo e le invenzioni di Mkhitaryan, i due giocatori che hanno beneficiato maggiormente del cambio modulo. Proprio loro due hanno confezionato il gol, con Abraham favorito dal velo di Zaniolo. Il centravanti inglese ha lavorato molto per la squadra, poco prima aveva salvato dentro l’area piccola sul tiro da distanza ravvicinata di Buongiorno. Quattro minuti dopo avrebbe potuto mettere al sicuro il risultato, ma il Var ci ha messo sei minuti per cambiare l’idea di Chiffi. L’inglese si vede negare il raddoppio anche allo scadere del primo tempo, con un colpo di testa deviato sulla trasversa. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa