Resta in contatto

Rassegna Stampa

José, l’amico Sinisa e Arnautovic il ritardatario

Lo Special One ritrova due amici al Dall’Ara

Due “superamici” si ritrovano al Dall’Ara. Bologna–Roma racconta anche una storia di conflitti, pace e amicizia, cominciata 13 anni fa. I protagonisti sono José Mourinho e Sinisa Mihajlovic. Oggi parlano come due fratelli, uniti dall’amicizia in comune con Dejan Stankovic.

“José mi è stato vicino durante la malattia e questo non lo dimentico. Quando sono diventato nonno mi ha scritto che anche lui non vedeva l’ora di diventarlo. Io gli ho risposto che per diventare nonno c’è sempre tempo“, ha rivelato Mihajlovic.

Parole che evidenziano un rapporto solido, certificato anche da Mourinho: “Non è lui che mi deve ringraziare per il mio piccolo appoggio, ma sono io che ringrazio lui a nome di tutti per il coraggio che ha trasmesso“.

Ma una decina di anni fa le cose erano diverse. Era il 2008, Mihajlovic per difendere Mancini sulla gestione Adriano all’Inter (Sinisa era il suo vice) attaccava José, che replicava: “Questo è lo stesso club che ha concesso una seconda possibilità anche a un giocatore che aveva sputato in faccia ad un avversario“.

Perentoria la risposta di Sinisa: “È difficile parlare con lui di calcio, perché non ci ha mai giocato“. A unirli anche il rapporto con Arnautovic: Mou regalò il suo orologio ai tempi dell’Inter dopo una serie di ritardi agli allenamenti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa