Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Per il “Faraone” polpaccio ko. Terzini cercasi

Si complica il piano gara con l’Inter: tante le assenze

Doppia beffa per Mourinho. Dopo la sconfitta del Dall’Ara, lo Special One si ritrova con una rosa decimata in vista del big match in programma dopodomani all’Olimpico contro l’Inter di Inzaghi. Tammy Abraham e Rick Karsdorp salteranno la sfida con i nerazzurri per squalifica: entrambi erano diffidati e ieri sera sono finiti sul taccuino di Pairetto.

L’inglese è stato ammonito ingiustamente a pochi secondi dall’intervallo per uno scontro involontario con Svanberg. Assurda invece la dinamica che ha portato al cartellino di Karsdorp: al 90′ l’olandese, consapevole del rischio squalifica, ha litigato con gli avversari e protestato reiteratamente con il direttore di gara fino a farsi ammonire.

Una condotta che rischia di costare cara alla Roma, visto che sabato l’unico terzino destro a disposizione sarà Reynolds. L’idea di adattare El Shaarawy a destra aveva stuzzicato Mourinho, ma anche in questo caso la fortuna non sembra sorridere al portoghese: ieri infatti il Faraone è stato costretto a chiedere il cambio a 7′ dall’inizio della ripresa a causa di un fastidio al polpaccio destro e le sue condizioni saranno verificate nelle prossime ore.

Fuori Pellegrini e Spinazzola, Villar spera di “negativizzarsi” dal Covid mentre per Felix non sembrano esserci i tempi. La squadra è rientrata a Roma subito dopo la partita, con staff tecnico e giocatori che hanno trascorso la notte al Fulvio Bernardini: questa mattina il gruppo tornerà in campo alle 12. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa