Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mayoral, un tacco a tempo scaduto: il futuro è altrove

Mayoral

Nel gelo di Sofia lampi dello spagnolo

Non doveva nemmeno giocare. Poi, un leggero fastidio al polpaccio per Zaniolo (subentrato nella ripresa e uscito per un fastidio all’adduttore destro) più il freddo di Sofia, hanno indotto Mourinho a dare una chance a Mayoral. Lo spagnolo ha risposto presente avviando l’azione dell’1-0 e segnando poi un gol di tacco (il primo stagionale).

Lo scarso utilizzo deciso dallo Special One non si spiega con i numeri: lo scorso anno segnò 10 gol in campionato in 1553 minuti e 7 in Europa League, laureandosi capocannoniere della competizione. La Roma in estate poteva decidere se riscattarlo a 15 milioni, rinnovare il prestito con il Real Madrid(a 1 milione), oppure rimandarlo al mittente. Mou ha dato l’ok perché restasse. Da quel momento in poi, non ha quasi mai visto il campo. Prima di ieri era partito titolare solo nella nottataccia di Bodo, dopo la quale era finito tra gli epurati. Un paio di partite le guarda dalla tribuna, per poi accomodarsi nuovamente in panca. Il dimenticatoio, però, non lo abbandona. Superato a sinistra da Shomurodov, viene sorpassato a destra anche da Felix.

Gli elogi di Mourinho a fine partita probabilmente cambieranno poco della sua avventura alla Roma, giunta ormai agli sgoccioli. A gennaio, lo spagnolo potrebbe accasarsi alla Fiorentina – se Vlahovic dovesse essere ceduto – oppure tornare in Spagna.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa