Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Incubo big match: Mou cerca il riscatto con Abraham

Lo Special One si affida alle giocate del centravanti inglese

Cosa hanno in comune Mourinho e Fonseca? Il rendimento disastroso, o quasi, contro le big del campionato. Alla vigilia della sfida di Bergamo contro l’Atalanta, la Roma si lecca le ferite di una stagione in cui sta faticando oltre le aspettative, sperando di poter invertire la tendenza avuta gli ultimi due anni negli scontri diretti.

Con Fonseca in panchina, la scorsa stagione, in 12 big match è arrivata solamente una vittoria, nel derbycon la Lazio, alla penultima giornata. Nell’attuale annata, lo Special One ha invece battuto la Fiorentina, nella prima giornata, perdendo poi contro Lazio, Juve, Milan, Inter e conquistando un punto con il Napoli.

Quattro punti conquistati su 18, quindi, per un ruolino di marcia piuttosto sconfortante, tra recriminazioni varie, dal punto di vista degli arbitraggi e degli infortuni, ma anche l’amara presa di coscienza del tecnico giallorosso rispetto alla reale competitività della rosa a sua disposizione.

Contro l’Atalanta, ancora senza gli infortunati Pellegrini ed El Shaarawy, la Roma dovrà tentare di invertire questa pesante tendenza, a cui si aggiungono le difficoltà trovate negli ultimi anni contro il club bergamasco. Affidandosi ad Abraham, l’attaccante voluto con forza da Mou la scorsa estate, a quota quattro reti in campionato, ma ancora mai in gol contro una big fino a questo momento. Tornerà a fare coppia con Zaniolo, il centravanti inglese, provando a rovinare il sabato agli atalantini e a regalare invece una gioia ai più di mille romanisti al seguito. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa