Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, adesso il mercato: Mou aspetta due acquisti

Ora si apre il mercato di riparazione, Mou attende segnali

Mayday, mayday. L’allarme suona due volte, quanti sono gli acquisti che Mourinho aspetta per puntellare una rosa incompleta. Il mercato di gennaio è dietro l’angolo di Capodanno, è uno spiffero prezioso che può garantire aria nuova e rinvigorire le ambizioni. Sicuramente i tifosi si sarebbero aspettati qualcosa di più del sesto posto alla fine del girone d’andata, ma i risultati rispecchiato il rendimento altalenante della Roma.

Prima della partita Tiago Pinto si è divertito con il consueto sadismo mediatico a sottolineare che “il novanta per cento dei nomi accostati alla Roma è una bugia”. E allora proviamo a capire quali siano i rinforzi papabili nei due ruoli più bisognosi, partendo da un numero: Karsdorp, terzino destro, e Cristante, centrocampista centrale, hanno giocato 55 partite a testa nel 2021. Davvero tante troppe. Ed è propio lì che Mourinho vuole intervenire.

Per la fascia destra, il profilo richiesto deve avere caratteristiche offensive. Un difensore, di base, ma che sappia supportare l’azione come Karsdorp. Per questo si era pensato a Diogo Dalot, che sarebbe arrivato alla Roma se il Manchester United non avesse cambiato allenatore: con Rangick, Dalot gioca titolare. E quindi addio. Nel frattempo Tiago Pinto ha sondato vari obiettivi: l’inglese Aarons del Norwich, il tedesco Henrichs del Lipsia, il norvegese Pedersen del Feyenoord. Ma chissà se riuscirà a prenderne uno.

Meno nebulosa sembra la questione del centrocampista: a meno di clamorose sorprese, resta in piedi l’ipotesi Grillitsch. Con l’austriaco dell’Hoffenheim, in scadenza di contratto, il dialogo è aperto da diverse settimane. Accende meno la fantasia Hector Herrera, di cui erano tornati a parlare i media portoghesi: è in scadenza di contratto con l’Atletico e può essere un affare, a determinate condizioni. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa