Resta in contatto

News

Il virus stoppa il calcio. Oltre trenta giocatori positivi, casi anche a Trigoria

Il dilagare della variante Omicron del Covid sconvolge il mondo dello sport mondiale

L’impennata dei contagi sta scombinando i piani delle varie leghe professionistiche, a partire dalla stessa Italia, con il governo che ha deciso di ridurre al 50% la capienza degli stadi all’aperto e al 35% quella dei palazzetti al chiuso. L’esempio più eclatante di come tale norma vada ad impattare improvvisamente la gestione delle società sportive è data dalla sfida tra Roma e Juventus in programma il prossimo 9 gennaio. Come confermato da fonti governative le nuove regole sulla sulla capienza entreranno in vigore subito, con la pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale. C’è quindi un overbooking allo Stadio Olimpico. La società dei Friedkin aveva da tempo messo in vendita i biglietti per il big match con i bianconeri ed aveva staccato un totale di oltre 42mila biglietti, circa 10mila in più dei 32.400 tifosi che saranno ammessi all’impianto del Foro Italico con le nuove norme volute dal governo Draghi. I giallorossi al momento attendono la pubblicazione del decreto e le linee guida da parte dei vari dipartimenti per poi capire come muoversi. Non esiste infatti uno scenario unico: la certezze è che i 20.100 abbonati romanisti saranno tutelati in ogni modo, mentre per gli altri spettatori bisognerà capire ad esempio se i seggiolini saranno disposti a scacchiera o meno (senza è più facile sistemare gli abbonati) e inoltre ancora è da capire se il 50% di tifosi si intende sul totale della capienza di un intero stadio o se riguarda ogni singolo settore in maniera distinta. Ovviamente il rischio concreto è quello di dover rimborsare i biglietti, una strada al momento preferita a Trigoria rispetto alla concessione di un voucher. Oltre alla Roma anche Atalanta, Bologna, Inter, Juventus, Lazio e Napoli hanno annunciato la sospensione della vendita dei biglietti per i match di gennaio e, inoltre, Juventus ed Inter sono d’accordo nel rinviare a fine stagione la Supercoppa Italia, programma il 12 gennaio a Milano. La Lega calcio però si oppone. La battaglia si combatterà in Consiglio di Lega.

Oltre alle problematiche riguardanti i tifosi c’è quella delle positività dei giocatori: al momento sono una trentina i tamponi risultati positivi in Serie A (in Serie C tra calciatori e staff il record è della Triestina, 18 positivi). Con la ripresa degli allenamenti e con una serie di controlli a tappeto tale numero è destinato ad aumentare, ad esempio in casa Roma – molti giocatori hanno trascorso le vacanze a Dubai insieme – è stato registrato qualche test rapido positivo ed è stato perciò effettuato un molecolare a tutto il gruppo squadra. Il risultato sarà reso noto in giornata, con Mourinho che trema in vista del doppio impegno di livello con Milan e Juventus. Stessa situazione in casa Lazio dove, in occasione della ripresa dei lavori post Natale, non si sono visti Akpa Akpro, Luis Alberto, Romero, Zaccagni e Jony. Lo spettro del risultato dei tamponi effettuati ieri dai calciatori biancocelesti aleggia anche sopra Formello. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News