Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Un nuovo vice per Mourinho: alla scoperta di Salvatore Foti

Dopo l’addio di Sacramento lo Special One ha scelto il nuovo “secondo”: ecco chi è

Il 2022 inizia con una novità importante in casa Roma: Joao Sacramento non è più il vice allenatore di José Mourinho. Il trentaduenne portoghese ha chiuso dopo Roma-Sampdoria la sua avventura come “secondo” del tecnico giallorosso. Lo Special One ha già scelto il suo successore, che inizierà proprio con il nuovo anno la sua esperienza alle spalle di uno dei mostri sacri della storia degli allenatori: si tratta di Salvatore Foti.

Foti è un ex calciatore, di ruolo attaccante, che ha militato soprattutto nella Sampdoria, unica squadra con la quale ha messo insieme qualche presenza (e soltanto 1 gol) in Serie A. Poi tanti prestiti in B e la chiusura della carriera in Svizzera a soli 27 anni. Nato a Palermo nel 1988, Salvatore Foti ha iniziato molto presto la carriera in panchina, sotto l’ala protettiva di Marco Giampaolo, esattamente nel 2016. Il tecnico abruzzese sedeva allora sulla panchina proprio della Samp. Con Giampaolo ricopre l’incarico di assistente fino alla chiamata del Milan, avventura nella quale Foti segue il mister. In rossonero, purtroppo, l’esperienza del tecnico dura soltanto pochi mesi, ma anche quando viene ingaggiato dal Torino nell’estate del 2020, Foti lo segue e resta con lui fino alla separazione con i granata.

Già al momento del ritiro, l’ex attaccante aveva dichiarato di voler intraprendere la carriera da allenatore subito dopo aver smesso con il calcio giocato. Dopo 6 anni arriva la grande opportunità di lavorare fianco a fianco a uno dei migliori della storia: José Mourinho, l’allenatore della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti