Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Livello tecnico basso ma Chiffi senza personalità: Aureliano voleva essere protagonista”

Il tecnico giallorosso Josè Mourinho analizza la gara contro il Milan di Pioli: le sue parole dopo il ko giallorosso

Il tecnico giallorosso Josè Mourinho, al termine della partita contro il Milan di Pioli, si presenta ai microfoni di Dazn per analizzare la gara. Ecco le sue parole:

Le assenze contro la Juventus o il risultato: cosa ti pesa di più?
“Ora il risultato. In pullman o in aereo già penso alla prossima. Vogliamo migliorare. Anche con il mercato vediamo se possiamo concludere qualche trattativa prima della prossima, anche se non si saranno allenati con noi”.

È una situazione dubbia.
“Esattamente è dubbia. Non posso e non voglio nascondere che noi dal punto di vista tecnico globale abbiamo fatto male”.

Siete sempre dentro la partita però poi guardando la classifica vi manca qualcosa.
“Noi siamo dove la nostra qualità e dove gli episodi arbitrali che abbiamo avuto ci hanno portato. Siamo lì. Se guardi il secondo gol e il rigore, siamo noi che regaliamo azione per l’avversario. Abbiamo sbagliato tanto dal punto di vista tecnico, però non ho sentito nessun problema di organizzazione o tattico. È mancata la qualità tecnica che ti permette un gioco superiore. Però non capisco il lavoro dell’arbitro in partita e del VAR in ufficio”.

Il tocco di Abraham, effettivamente, è dubbio.
“Hai detto tutto. Il VAR non deve intervenire su cose incerte. Se il VAR vuole fare il fenomeno interviene”.

La partita?
“Siamo rimasti sempre in partita, anche sul 2-0 e poi sul 2-1, fino all’espulsione di Karsdorp. Però una partita di livello tecnico basso. Abbiamo perso palla con una facilità tremenda. Qualità bassissima, però siamo sempre stati nella partita. Per parlare di problemi di qualità e tecnici devo parlare purtroppo anche dell’arbitro e del VAR. Ancora non mi è arrivata nessuna immagine dove si vede chiaramente che è rigore. Si vede che Tammy apre il braccio ma non si vede il tocco netto. Aureliano era a casa ma voleva essere qui, per questo è intervenuto. Ho chiesto una clip ma non l’ho trovata. Se non dai rigore su Zaniolo e Ibanez non dai neanche questo rigore. Su 3 rigori ne ha dato uno solo, perché? Perché ne dai uno? Io non ne avrei dato nessuno, ma perché ne dai uno? Livello tecnico basso nostro ma anche livello dell’arbitro siamo stati sfortunati”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra