Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Milan-Roma 3-1: male i giallorossi, Chiffi ci mette del suo

La Roma si ferma a San Siro: vincono i rossoneri

RUI PATRICIO  6

Su due rigori, para (purtroppo) quello ininfluente. Fa il massimo sul gol di Messias, non può far molto di più sulla rete di Leao.

Trigoria

MANCINI 5

La solita grinta ma anche diverse sbavature. Stende Leao nel finale, rosso e salterà la gara con la Juventus.

SMALLING 6,5

Ogni duello aereo è suo, pulito su diversi tackle. Il migliore lì dietro ma non riesce ad evitare il tracollo.

IBANEZ 4,5

La sua follia complica maledettamente la serata di San Siro. Peccato perché questi errori sembravano ormai appartenere al suo passato.

KARSDORP  5

Si vede poco, spinge meno e si mostra pure nervoso. Rosso nel finale, anche lui guarderà Roma-Juventus dalla tribuna.

PELLEGRINI  5,5

Rientra dopo diverso tempo, reduce da un infortunio serio. Qualcosa di buono lo mette in campo ma non riesce ad incidere come vorrebbe.

VERETOUT  5

Un pesce fuor d’acqua in questa partita.

MKHITARYAN  5,5

Sfiora il gol, che solo una gran parata di Maignan li nega.

VINA  5

A Bergamo era stato superlativo, a Milano torna in una versione più normale. Combina poco da quella parte e soffre tremendamente Messias.

Zaniolo

ZANIOLO 5,5

Appare svogliato, poco lucido. Si divora un gol a tu per tu con Maignan, un suo tiro diventa un assist involontario per Abraham. Ma per il resto, molto poco.

ABRAHAM  6

Ingenuità colossale che concede il rigore al Milan. Poi tante cose buone: manda in porta Zaniolo, sfiora il gol e poi riapre la sfida con una zampata da rapace d’area di rigore.

CRISTANTE 5,5

Prende il posto di Pellegrini, non riesce a dare l’ordine che serviva alla manovra della Roma.

FELIX 5,5

Mourinho lo manda in campo nel finale, non riesce ad avere palloni giocabili.

EL SHAARAWY 5,5

Si rivede il Faraone nel finale di gara. Gioca in un ruolo non suo, riesce a combinare poco.

SHOMURODOV  5,5

Quarto d’ora a disposizione dove non riesce a far cose degne di nota.

CARLES PEREZ SV

Una manciata di minuti per lo spagnolo.

MOURINHO  5,5

Dal capolavoro di Bergamo ad una prova opaca a San Siro, con tanti errori tecnici ma l’impatto del tema arbitrale non può essere sottovalutato. C’è un dato però inequivocabile: otto sconfitte in campionato sono tante, troppe.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma