Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’ira di Mou: “Arbitro senza coraggio”

Post partita caldo dopo le decisioni di Chiffi e del Var Aureliano, entrambi accusati dallo Special One

La storia tra la Roma e gli arbitri somiglia a una di quelle telenovele in cui si litiga a ogni puntata. Ma forse mai come stavolta José Mourinho aveva elementi da portare sul tavolo della discussione. Un rigore contro dopo una manciata di minuti, un altro richiesto e non concesso su Zaniolo. Pesi, misure, uniformità: la vecchia questione di centimetri che animò Dino Viola, oggi nel calcio in cui un arbitro giudica dalla tv diventa una questione di fotogrammi.

A livello arbitrale siamo sempre noi gli sfortunati“, inizia così Mourinho, agitato nel suo cappotto grigio di tuta che lo fa somigliare a un rapper. Ma è solo un modo per rompere l’argine. “Il Var ha voluto essere protagonista, l’arbitro non ha avuto la personalità“. Parole pesanti come macigni.

“Ancora non mi è arrivata nessuna immagine in cui si vede chiaramente se è rigore. L’ho chiesto a Daniele – dice parlando dell’arbitro Chiffi – ma i miei video analisti non hanno nessuna immagine che dica se Abraham tocca il pallone. Non riesco a vedere. Si vede il movimento di Tammy che apre il braccio ma non si vede il contatto puro e netto. Se questo è rigore, cosa erano quelli su Ibanez e Zaniolo? Se paragoni questo rigore a quello di Zaniolo e di Ibanez, o li dai tutti e tre o non ne fischi nessuno. Io in questa partita avrei dato zero rigori, lui ne dà uno contro di noi. Vogliamo uniformità. A livello arbitrale siamo sempre noi gli sfortunati. Se c’è un dubbio, il Var deve continuare a bere la sua tazza di tè e lasciare andare. Il Var Aureliano forse voleva essere qui, sul campo. Ha voluto fare il fenomeno e l’arbitro non ha avuto la personalità: quando sei al monitor a San Siro, è andata, tu diventi piccolo“. Piccola però è anche la figura che hanno fatto però i suoi difensori. L’autolesionismo di Ibanez resta l’immagine sovrana di una partita che la Roma ha fatto di tutto per complicarsi, fin dal primo momento. “Abbiamo sbagliato le basi del calcio a livello tecnico. Il secondo gol l’ultimo rigore, esempi di situazioni in cui perdiamo palla con facilità estrema. Una qualità bassissima. Siamo stati sempre in partita, sul 2-0 e anche sul 2-1, prima che Karsdorp fosse espulso. Ma abbiamo perso palloni semplici, una qualità bassissima“. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa