Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Juventus 3-4: il festival dell’autodistruzione giallorossa

La Roma si regala una notte da incubo

RUI PATRICIO  5,5

Prende quattro gol in una serata amara: può far poco su Dybala e De Sciglio, può e deve far meglio sugli altri.

IBANEZ 5

La sua scivolata frettolosa dà modo a Morata di mettere dentro il pallone che apre la rimonta. Ma tanti errori e imprecisioni.

CRISTANTE  5,5

Per 70 minuti fa il suo e lo fa con concentrazione e attenzione tattica. Poi sprofonda con gli altri.

SMALLING 5,5

Non può prendersi la sufficienza se a guida di un reparto che prende 3 gol in 7 minuti.

MAITLAND-NILES  5,5

Un esordio assolutamente positivo per 70 minuti, poi si dimentica di marcare Locatelli e la Juve apre la rimonta.

PELLEGRINI  5,5

Una punizione magistrale, un rigore battuto male e con troppa pressione. Il giorno e la notte.

VERETOUT  5

Pennella il corner per Abraham, fa la gara che Mou gli chiede, prima di sparire dal campo.

VINA  5,5

Prestazione di corsa e impegno, di volontà e buone ripartenze. Poi il blackout.

FELIX 6

L’intuizione di Mourinho è giusta e lui scombina i piani difensivi della Juve di Allegri.

ABRAHAM  6

Ottavo gol di campionato per l’inglese che sblocca la gara e rimane in campo anche in condizioni fisiche precarie.

SHOMURODOV 5,5

Prende il posto di Felix, non riesce a incidere.

CARLES PEREZ 5,5

Mourinho lo manda in campo nel finale, un tiro dove sfiora il gol.

BORJA MAYORAL SV

Pochi minuti a disposizione, non riesce a coordinarsi nel finale per calciare in porta.

MOURINHO  5,5

Per 70 minuti la gara che ha preparato funziona e porta la Roma sul 3-1. Poi in 7 minuti il blackout, che lui guarda basito e impassibile. È il tecnico, quindi responsabile ma i limiti caratteriali della rosa sono usciti fuori.

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma