Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“Tutta colpa di chi c’era prima”, Tiago Pinto e quell’alibi grillino

Tiago Pinto Roma Milan

Momento di difficoltà a Trigoria

La Roma è settima, ma la colpa non è sua. Almeno a sentire le analisi che i vertici di Trigoria fanno della situazione. Pare quasi di rivivere l’epopea romana dei Cinque Stelle: “È colpa di chi c’era prima“. Più che Mourinho, sempre molto focalizzato sul presente e sul come migliorare la squadra, il maggior interprete della nuova cancel culture romanista è il general manager Tiago Pinto.

Che col passato ha il dente avvelenato. Quale passato, in realtà, non lo dice: “Dal punto di vista sportivo abbiamo trovato una situazione da cambiare“, diceva giovedì scorso riferendosi alla “necessità di ripulire strategicamente la politica precedente della Roma“. Certo, l’opera di pulizia ha prodotto finora il regalo di Pedro alla Lazio – con inevitabile gol nel derby – e di Dzeko all’Inter: possibile che non se ne potesse ricavare un euro?

La nuova politica, invece, ha partorito l’arrivo di una stella come Abraham, di buoni innesti come Rui Patricio e Viña. Ma anche di Reynolds, bocciato in via definitiva dopo un anno in cui ha mostrato limiti tecnici insuperabili, e i quasi 18 milioni per Shomurodov – messo pubblicamente all’indice da Mourinhocome responsabile del 3-3 della Juventus.

Ma qual era la “situazione sportiva da cambiare” trovata da Tiago Pinto a Trigoria? Il 4 gennaio del 2021, quando ha messo piede a Roma per prendere il timone della dirigenza sportiva, la squadra aveva vinto facilmente il girone di Europa League ed era quarta in campionato a 7 punti dal Milan capolista: due giorni dopo avrebbe ridotto la distanza dalla vetta a soli 4 punti.

Insomma, il piazzamento Champions era più di una possibilità: diciamo un obiettivo. Un anno dopo la Roma è settima, la Champions meno di illusione, visto che lo stesso Mourinho bolla “da settimo posto” la sua squadra. Un’involuzione passata per la spesa di 97 milioni di euro sul mercato, incassandone dalle cessioni 22. Un saldo forse senza precedenti nella storia della Roma.Un saldo forse senza precedenti nella storia della Roma. Che però non ha prodotto miglioramenti apprezzabili, almeno nell’immediato. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa