Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maitland-Niles forza 7: “Qui per tornare in Champions”. Ora la Roma si gioca il jolly

Le parole del calciatore inglese in conferenza stampa

Con la Juventus è andato in campo che forse non aveva neanche disfatto del tutto la valigia, domenica prossima con il Cagliari avrà sicuramente maggiore dimestichezza un po’ con tutto. Del resto, il sapersi adattare è anche una delle caratteristiche principali di Ainsley Maitland-Niles, il terzino destro che la Roma ha prelevato meno di una settimana fa dall’Arsenal.

Basti pensare, infatti, a tutti i ruoli che ha ricoperto fin qui nella sua carriera, seppur ancora breve. In tutto sette, a dimostrazione della sua duttilità e della sua capacità di adattamento. Appunto.

Maitland-Niles contro la Juventus ha giocato terzino destro a causa della squalifica di Karsdorp, ruolo che ricoprirà quasi sicuramente pure domenica prossima, vista la probabile indisponibilità dell’olandese anche con i sardi.

In carriera, infatti, Maitland–Niles finora ha giocato in tante e diverse posizioni, cosa che potrà fare anche in giallorosso in questi sei mesi di prestito. In tutto esattamente sette diverse caselle: terzino destro e sinistro, centrocampista su entrambe le fasce, centrocampista centrale in una linea a 4, mediano davanti alla difesa sia nel 4-2-3-1 sia come perno unico e infine anche trequartista destro, in un paio di occasioni, quando l’Arsenal si è schierato con il 3-4-2-1.

A Roma di questi sette ruoli ne andrà a ricoprire presumibilmente due: terzino destro nel 4-2-3-1 ed esterno a tutta fascia (sempre a destra) nel 3-5-2, il cosiddetto quinto, una variante di quanto fatto in Inghilterra quando faceva il centrocampista esterno nella linea a 4. Mourinho ha intenzione di utilizzarlo in quelle due caselle lì, ma l’allenatore portoghese sa bene che se dovesse servire ha la possibilità di chiedergli di giocare anche altrove.

Ieri Tiago Pinto lo ha presentato con orgoglio, sicuro della sua scelta: “Ainsley è un giocatore pronto per aiutare la squadra subito – ha detto – Ed è uno che può giocare in più ruoli”. Già, anche se all’Arsenal giocava poco e quello spazio cercherà di ritagliarselo adesso nella Roma. “Ma non chiedetemi del mio futuro, in questo momento sono concentrato solo sul presente e sulla Roma – ha detto invece il difensore inglese -. L’obiettivo resta entrare in Champions League”.

“La Serie A è un campionato tecnico, ma anche molto tattico, diverso dalla Premier. Io e Oliveira possiamo portare una mentalità vincere nella squadra. Il calcio del resto consiste in questo: vincere le partite. Sono un giocatore polivalente, di buona corsa e con energia. Sono rapido, forte, tecnicamente abile e con una buona lettura del gioco“. Ecco, Mou voleva proprio tutto questo. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa