Resta in contatto

Roma Femminile

Linari: “Rigore pesante, ma la voglia di vincere era più forte”

Le parole dell’autrice del gol vittoria contro l’Empoli

Elena Linari ha parlato ai microfoni del club al termine della vittoria per 2-1 contro l’Empoli, con un suo gol decisivo nel finale. Ecco le sue parole:

La gara?
“Penso che nel secondo tempo si siano viste la grinta e la voglia di riuscire a prendere questi tre punti, fondamentali per la nostra stagione e per la nostra mentalità”, ha commentato la numero 32 al termine del match del Tre Fontane. “Venivamo da una sconfitta in Supercoppa che ci ha fatto molto male e volevamo mostrare il nostro valore. Lo abbiamo fatto all’ultimo respiro e credo sia stata una dimostrazione di forza”.

Quanto pesava quel pallone?
“Un po’. Avevo tanta voglia di tornare e di festeggiare con un gol un anno con questa squadra. Ringrazio Manu [Giugliano] che me lo ha fatto battere. Con l’assenza di Andressa le rigoriste siamo io e lei. Sapevo che il rigore pesava ma la voglia dei tre punti e di restare al secondo posto era troppo forte”.

La Roma c’è e lo sta dimostrando anche in situazioni di svantaggio o nei minuti finali.
“Stiamo crescendo, purtroppo il passo falso in Supercoppa ci ha fatto male, ma penso che negli ultimi 20 minuti contro il Milan abbiamo fatto bene. La mentalità c’è, stiamo crescendo. La mentalità vincente passa anche attraverso vittorie all’ultimo secondo come questa. Brave anche alle piccole che sono salite in prima squadra e che ci stanno aiutando molto in questo periodo difficile per noi. Testa alla prossima e avanti tutta. Questi tre punti servivano tanto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile