Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il sogno resta Kamara. Diawara parte

Tiago Pinto attende la partenza di Diawara per piazzare il terzo colpo

Piazzati i primi due colpi la priorità della Roma rimangono le uscite, ma negli ultimi giorni di mercato a centrocampo qualcosa potrebbe ancora succedere. Al momento infatti Tiago Pinto non avrebbe la possibilità di ingaggiare un nuovo rinforzo in mediana, ma a cambiare le cose potrebbe essere la situazione di Amadou Diawara. Il centrocampista impegnato in Coppa d’Africa è finito da tempo nel mirino del Valencia che, in attesa di cedere Wass all‘Atletico Madrid, ha avviato i contatti con i giallorossi per il guineano che non rientra nei piani di Mourinho.

Al momento però a frenare la trattativa sembrerebbe essere la volontà del giocatore, che non ha ancora trovato un accordo che lo convinca ad accettare il trasferimento. Se l’ex Napoli dovesse ricevere un’offerta che lo convinca a cambiare squadra (in prestito), a quel punto la Roma potrebbe tentare l’ultimo sforzo per consentire allo Special One di affrontare la seconda parte della stagione con una rosa ancor più competitiva.

A Trigoria il sogno rimane Kamara del Marsiglia, che pochi giorni fa tramite un’intervista ha fatto capire di essere disposto a lasciare l’OM già a gennaio. I rapporti tra Pinto e i francesi sono ottimi – grazie alle operazioni Under e Pau Lopez – ma in questo caso l’ostacolo più grande è l’ingaggio da circa cinque milioni chiesto dal ventiduenne e le numerose offerte provenienti dalla Premier League arrivate al suo entourage. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa