Resta in contatto

Rassegna Stampa

Che fatica! La Roma non cambia mai

Primo tempo col brivido per gli uomini dello Special One

Mourinho si regala i quarti di finale contro l’Inter, ma fatica per arrivarci. Anche lui ha il suo Ranocchia, cioè Kumbulla, che riaddrizza il risultato. Ha anche il suo Sensi, ovvero Abraham, che cancella ogni fantasma con l’aiuto di Shomurodov. In mezzo un po’ di sofferenza, specie nel primo tempo e qualche esperimento, che in certi casi, è meglio evitare. Mourinho lo ha capito, ma sa che alcune scelte di rendono obbligate in attesa di cambiare gli eventi. Mou ci tiene alla Coppa, ma contro la squadra di Baroni non ha mandato in campo tutti i titolari. Le “anomalie” sono Maitland-Niles a sinistra e Perez alto a destra.

Qualcosa non funziona. Rui Patricio prima trema per un tap-in di Olivieri bloccato da Kumbulla e poi cade sul colpo di testa di Calabresi. Il Lecce è tosto e la Roma non gioca bene. E’ un trend che va avanti da un po’: errori tecnici banali, tiri improponibili, il tutto accompagnato dal sottofondo di pochi, ma rumorosi, tifosi che fischiano. La reazione arriva su calcio da fermo con Kumbulla che sta dando segnali di risveglio. Durante l’intervallo Mourinho capisce che qualche scelta non se la può permettere ed inserisce Zaniolo, Mkhitaryan e Vina. Da lì la partita cambia e la Roma passa il turno. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa