Resta in contatto

News

Nazionale, Mancini: “Zaniolo è una mezz’ala offensiva. Spinazzola? Tempi un pò più lunghi”

Il CT azzurro Roberto Mancini ha parlato in conferenza stampa del ruolo di Nicolò Zaniolo e delle condizioni di Spinazzola

Roberto Mancini, CT azzurro, ha parlato nella conferenza stampa di Coverciano a ridosso del primo allenamento dello stage azzurro. Ecco le sue parole:

Quanto sarebbe importante posticipare la giornata di campionato prima degli spareggi?
“Non lo so, sinceramente. Noi chiaramente più tempo abbiamo per preparare le partite e meglio è”.

Quanto cambia l’assenza di Spinazzola?
“L’avremmo voluto volentieri, ma anche per lui i tempi si sono allungati e sarà difficile”.

Zaniolo può fare la seconda punta?
“Per me è una grande mezz’ala d’attacco, continuo a pensare questo. Poi ha il fisico e la conclusione per giocare in attacco: vanno valutate tante cose, come mezz’ala d’attacco ci dà la possibilità di essere più forti nella fase offensiva”.

Perché non si parla della possibilità di posticipare la giornata di campionato precedente agli spareggi?
E’ chiaro che ci fossero 3-4 giorni in più sarebbe meglio, altrimenti i calciatori arriverebbero sempre tra domenica e lunedì e poi il giovedì giochiamo.

Potrebbero cambiare le gerarchie in attacco?
“Io non credo il modulo sia molto importante, vanno fatte valutazioni diverse su una squadra. Sono ragazzi che hanno giocato diversi moduli e sono importanti altri aspetti quando si giocano gare così importanti. Sul centravanti, dobbiamo essere pronti a tutto: tra ottobre e e novembre ci siamo trovati con tanti infortunati, spero di averli tutti a disposizione. Solo questo. Se li abbiamo tutti a disposizione sono abbastanza tranquilli”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News