Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou senza regista: aspetta Spinazzola e guarda il calendario

Lo Special One pronto al mese della verità

Dopo quattro giorni di totale riposo e senza colpi last-minute dal mercato invernale, la Roma di José Mourinho è tornata ieri pomeriggio al lavoro a Trigoria. Eccezion fatta per Darboe, Shomurodov e Vina (ancora impegnati con le rispettive nazionali), tutti gli erano erano regolarmente in campo, anche Diawara che alla fine non ha accettato nessuna delle diverse proposte pervenute. Oggi alle 15 il gm giallorosso Tiago Pinto farà il consueto punto sul mercato appena concluso.

Tornando al campo, lavoro individuale per Spinazzola e Pellegrini, con il capitano giallorosso che proverà a recuperare per la sfida di sabato. Mourinho conta sul suo rientro, desideroso di ripartite subito forte: dopo aver ricaricato le pile nella sua Londra, è tornato al lavoro carico e concentrato, in vista del mese che rischia di essere decisivo per le ambizioni della sua Roma. Un quartetto di gare invitante attende i giallorossi: Genoa e Hellas Verona in casa, Sassuolo e Spezia in trasferta, prima dello scontro diretto contro l’Atalantadi Gasperini.

I giallorossi sono chiamati a fare il massimo, con avversari alla loro portata e con l’obbligo di sfruttare i diversi scontri diretti che le concorrenti per un posto in Europa si ritrovano in calendario.

Ma febbraio è anche il mese delle coppe, soprattutto del quarto di finale di Coppa Italia, in programma martedì 8 a San Siro: Mourinho tornerà nel “suo” stadio, stavolta senza gli insulti dei tifosi rossoneri ad aspettarlo. L’impresa di eliminare la squadra di Inzaghi spalancherebbe le porta alla doppia semifinale, con la vincente del confronto tra Milan e Lazio. Tutto questo senza dimenticarsi che il 25 febbraio a Nyon andrà in scena il sorteggio degli ottavi di finale di Conference League, dal quale verrà estratta l’avversaria della Roma. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa