Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Genoa 0-0: un Abisso tra le due squadre. Zaniolo, che beffa

La Roma non riesce ad avere la meglio sul Genoa

RUI PATRICIO  6

Una di quelle partite dove tocca più palloni con i piedi che con le mani.

Trigoria

MANCINI  6,5

L’ennesimo giallo della sua stagione, ma una partita di sostanza e cuore.

SMALLING 7

Se c’è lui lì dietro, non si passa.

IBANEZ 6,5

Qualche sbavatura nel primo tempo, perfetto nella ripresa.

KARSDORP 6,5

Spinge tanto, serve un pallone a botta sicura a Abraham e pennella un cross fantastico per la testa di Smalling. Ma il pallone non entra.

SERGIO OLIVEIRA  6

Tocca tanti palloni, il portoghese è sempre nel vivo della manovra.

CRISTANTE  5,5

Lento e macchinoso nel primo tempo, meglio nella ripresa ma non è il regista di cui la Roma ha bisogno.

MKHITARYAN  6,5

Partita di quantità e qualità dell’armeno, che si sacrifica in un ruolo non suo.

MAITLAND-NILES  6-

L’inglese sbaglia qualcosa ma si fa trovare pronto in alcune ripartenze. Serve alcuni palloni interessanti.

Zaniolo

ZANIOLO  5,5

Una sliding door grande quanto una casa. Dal possibile 8 in pagella ad un’insufficienza per la reazione poco matura nel finale. Dalla gioia alla cocente delusione.

ABRAHAM  5,5

Partita generosa come al solito, oggi meno incisivo di sempre ma sfiora il gol nel secondo tempo.

EL SHAARAWY  7

Grande impatto nella partita, tra serpentine, assist e tentativi di tiro.

FELIX  6

Entra nelle ripresa e ha il merito di guadagnare il rosso a Ostigaard che permette alla Roma di giocare in superiorità numerica.

VERETOUT  6

Fa il suo nel momento più delicato della partita.

MOURINHO  6

La sua Roma esce dal campo dopo aver fatto il massimo. Lasciando però sul campo due punti preziosi per la corsa all’Europa che conta.

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma