Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Inter-Roma 2-0: troppo poco per sognare

La Roma perde e viene eliminata

RUI PATRICIO  6

Sulla bordata di Dzeko può far poco, sul bolide di Sanchez ancora meno.

Trigoria

MANCINI  5,5

L’ennesimo giallo della sua stagione, una costante. Falloso, sbaglia tanti palloni.

SMALLING 5

La gara cambia volto dopo la sua incertezza. Peccato che arrivi dopo un minuto e 45 secondi…

IBANEZ 5,5

Qualche follia iniziale, poi tanti interventi riusciti. Il ginocchio poi lo molla, esce all’intervallo.

KARSDORP 5

Una serie infinita di retropassaggi, ma lì davanti, se non per l’imbucata per Mkhitaryan, combina poco e niente.

VERETOUT  5,5

Anonimo e spaesato nel primo tempo, cresce nella ripresa ma non riesce ad incidere.

SERGIO OLIVEIRA  6

Sempre lucido, sa sempre cosa fare con il pallone. Non riesce a cambiare il volto della Roma, ma è uno dei migliori.

VINA  4,5

Approssimativo, scomposto, poco reattivo.

MKHITARYAN  6

L’armeno ci prova, è uno degli ultimi a mollare.

Zaniolo

ZANIOLO  5

Un rigore in movimento tirato addosso a Handanovic, un’occasione nitida nelle ripresa dove non prende la porta. L’unica giocata di qualità arriva a gioco fermo.

ABRAHAM  6

Partita generosa come al solito, manda in porta Zaniolo due volte. Ma non riesce mai a tirare in porta. Si ferma nel finale per un problema muscolare.

KUMBULLA  6

Entra nelle ripresa e fa il suo, con qualche sbavatura ma anche con cose buone.

CRISTANTE  5,5

Mourinho lo manda in campo nella ripresa ma combina molto poco.

PELLEGRINI  5,5

L’unica buona notizia della serata è rivederlo in campo.

EL SHAARAWY  5

Aveva avuto un grande impatto cion il Genoa, oggi sparisce dopo il suo ingresso.

FELIX  SV

Entra nel finale.

MOURINHO  5

Sfuma il primo obiettivo stagionale, ammesso che per potenziale espresso lo sia stato. La Roma appare piccola come dimensione in campo, non solo “agli occhi del potere”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma