Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Paradosso Micki: solo lui può fare il regista, ma è in scadenza

Il paradosso dell’armeno

Essere un giocatore fondamentale della squadra ma non sapere ancora se quella squadra avrà ancora voglia di puntare su di te o meno. È uno dei tanti paradossi della Roma attuale, quella costruita da Tiago Pinto e che Mourinho continua a fatica a digerire.

Il giocatore in questione è ovviamente Henrikh Mkhitaryan, quello che per cifra tecnica è probabilmente la miglior espressione calcistica della Roma. Uno talmente bravo che in questi primi sette mesi di Roma di Mourinho è stato utilizzato un po’ ovunque: trequartista esterno o centrale, seconda punta, mezzala e adesso anche regista.

Già, perché in una Roma che manca clamorosamente di quella casella – nonostante l’allenatore abbia chiesto quel tipo di giocatore da due sessioni di mercato – Mourinho sembra intenzionato da qui alla fine a schierarci proprio lui, Mkhitaryan. Lui che a giugno ha il contratto in scadenza e non si sa neanche se sarà ancora giallorosso.

Ma alla fine la Roma ha ancora voglia di puntare su Mkhitaryan o meno? Il fantasista armeno è sbarcato nella Capitale tre anni fa – e di fatto – è andato avanti a rinnovi annuali (nel primo contratto c’era l’opzione per il secondo, poi è arrivato l’accordo firmato a giugno scorso). Anche un anno fa fu così, più per volontà del giocatore che non del club. Adesso Pinto dovrà mettersi a tavolino e capire se ci sarà la voglia di averlo ancora in giallorosso, compatibilmente con le esigenze del progetto (e aspettando Mino Raiola, l’agente del giocatore, che nell’ultimo periodo ha avuto problemi di salute).

Sul giocatore nel frattempo è piombato lo Spartak Mosca, pronto a portarselo a casa con un’offerta faraonica. Micki ha 33 anni, nella prossima stagione andrà per i 34. Serve una valutazione dei suoi parametri fisici ed atletici, considerando anche che guadagna oltre 4 milioni di euro (bonus inclusi). Ma un arretramento del suo raggio d’azione potrebbe aiutarlo anche in tal senso, considerando che il dinamismo, la forza e la resistenza sono dei parametri inevitabilmente destinati a perdere qualcosa per strada. Oggi, a tutti gli effetti il regista della Roma è Mkhitaryan. Per il futuro, ovviamente, Mourinho spera che questa volta possa essere ascoltato… Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa