Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Certezza Mancini: “Roma da Europa”

Prestazione maiuscola della difesa e del numero 23, “L’atteggiamento deve essere questo”

La difesa è diventata un bunker. Undicesima partita in campionato senza subire golRui Patricio dà sicurezza, Mancini è stato attento e ha sfiorato anche il gol con un colpo di testa all’inizio della partita. Il difensore ha da poco rinnovato il contratto, è uno dei leader della squadra, il vice capitano: “Mourinho mi ha detto ‘oggi non hai preso giallo’, è già una soddisfazione (ride, n.d.r.). Da tanto non capitava, ogni fallo prendevo l’ammonizione. Mourinho ci ha fatto complimenti e ha detto che non torna più in panchina perché abbiamo fatto sei punti senza di lui”.

La Roma è stata tosta, lucida, ha rischiato pochissimo: “Tutti gli undici titolari e poi quelli che sono entrati hanno fatto qualcosa di più rispetto ad altre volte. Siamo stati compatti, abbiamo sofferto e creato. Ho visto l’azione dell’Atalanta più pericolosa, quella di Freuler, poi poco o niente. Una vittoria che ci fa bene, erano tre punti fondamentali per rimanere attaccati al treno Europa. Peccato per quella occasione di testa“.

Lo spirito è stato quello giusto, secondo Mancini: “Se cominciamo ad allungarci o fare una corsa in meno per il compagno è difficile, soprattutto, contro l’Atalanta. Siamo stati bravi, dopo la partita contro il Verona ci siamo guardati negli occhi e ci siamo detti che se non facciamo così… L’atteggiamento deve essere questo. Mancano sempre meno partite, bisogna sbagliare il meno possibile. Con questa cattiveria c’è molta più possibilità di vincere le partite”.

È stata una delle migliori partite in fase difensiva: “Ne abbiamo fatte diverse di partite con questo atteggiamento. Queste prestazioni con squadre come l’Atalanta ti danno fiducia, ma dobbiamo già pensare a giovedì e all’Udinese. All’andata abbiamo vinto 4-1 con l’Atalanta e poi non siamo riusciti a vincere con la Sampdoria. Serve continuità per rimanere attaccati all’Europa“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa